Programma

La prima lista civica del nuovo primo Municipio

 

La Lista

Uniti per il Centro Storico è la prima lista civica nata nel rinnovato primo municipio, che oggi comprende i territori delle ex I e XVII circoscrizione.

Con il suo 2,6% conquistato all’esordio nel 2013, con la candidatura di Matteo Costantini Presidente, la lista resta tuttora l’unico punto di riferimento per l’iniziativa politica al di fuori dei partiti tradizionali nel Centro Storico di Roma.

Fin dall’inizio Uniti x il Centro Storico ha rivendicato la sua autonomia rispetto alle candidature a Sindaco di Gianni Alemanno e Ignazio Marino, decidendo di non sostenere nessuno dei due candidati alle elezioni amministrative. Tale scelta le permette oggi di distinguersi da tutte le altre forze in campo.

Il Programma

Uniti per il Centro Storico ha una visione totalmente nuova del cuore di Roma: non solo incomparabile museo a cielo aperto ma risorsa economica e culturale fondamentale per lo sviluppo dell’intera Città Metropolitana. Obiettivo che potrà essere raggiunto realizzando questi dodici punti :

 

  1. Trasformare i Municipi in Comuni Urbani della Città Metropolitana, con autonomia di bilancio e personalità Residenti e commercianti avranno così un rapporto diretto con la propria amministrazione e controlleranno come vengono utilizzate le risorse economiche del proprio territorio. (Bilancio trasparente e partecipato).
  2. Reinvestire il 20% della tassa di soggiorno proveniente dalle strutture ricettive presenti nel Municipio per il decoro, la pulizia e la manutenzione delle strade, vie e piazze del cuore della città.
  3. Organizzare il corpo della Polizia Locale con la reintroduzione del poliziotto-vigile di quartiere, sbloccando il concorso per l’assunzione di nuovi vigili e favorendone l’impiego sul campo e non negli uffici. Prevedendo per tutte le mansioni che non richiedono l’intervento della polizia locale, l’impiego di impiegati amministrativi. Incentivare la lotta a degrado, abusivismo, accattonaggio, per rendere più fruibile e ordinato il cuore della città.
  4. Promuovere una migliore viabilità-vivibilità in centro, mediante uno studio coordinato delle problematiche riguardanti il traffico e promuovendo l’utilizzo delle nuove tecnologie di uso comune in Europa (Smart City). A titolo esemplificativo: introduzione di semafori intelligenti; coordinamento automatizzato del traffico pubblico e privato con sistemi satellitari; realizzazione di nuovi parcheggi sotterranei con pagamenti e prenotazioni via App-mobile; ;promozione del trasporto pubblico elettrico; promozione di car sharing e bike sharing; prolungamento delle linee tranviarie esistenti; promozione di ogni forma di trasporto alternativo all’utilizzo dell’auto privata nel Centro della Città; sostenere l’uso delle due ruote motorizzate e non (cicli e motocicli), prevedendo una campagna straordinaria di manutenzione stradale per la rimozione delle buche pericolose e realizzando il progetto del Grab.
  5. Semplificare le pratiche amministrative per cittadini e imprenditori, con la creazione di appositi sportelli dedicati. Un’ amministrazione vicina a residenti e commercianti e mai più
  6. Eliminare il pagamento della ZTL per il primo permesso dei residenti. (Link petizione).
  7. Prevedere una migliore organizzazione degli orari della città, per favorire un rapporto più equilibrato tra le funzioni del commercio, della residenzialità e delle sedi istituzionali. A tal riguardo Uniti per il Centro Storico ha promosso una petizione su change,org (link) per chiedere al prossimo Sindaco di introdurre delle turnazioni nelle aperture domenicali dei negozi, allo scopo di evitare che vi siano zone della città “sempre aperte” e altre “sempre chiuse” e per consentire anche ai dipendenti, commercianti e impiegati del settore di avere turni di lavoro più
  8. Aumentare la trasparenza e la partecipazione nei processi decisionali del Municipio, mediante l’istituzione di apposite Consulte e rendere obbligatoria la consultazione delle associazioni di categoria, dei comitati di quartiere e delle associazioni di cittadini presenti e attive nel territorio, prima dell’approvazione di delibere ed atti di indirizzo (Democrazia partecipativa).
  9. Ridurre le barriere architettoniche e favorire la vivibilità e la mobilità dei disabili in tutto il territorio, attraverso una continua collaborazione con le Associazioni e le organizzazioni che operano nel settore.
  10. Coinvolgere i privati nella promozione, tutela e salvaguardia del territorio, con particolare attenzione alla manutenzione delle aree verdi e del patrimonio artistico e culturale.
  11. Rivedere le condizioni del contratto di servizio con AMA per migliorare la qualità degli interventi, nell’interesse dei cittadini che vivono e lavorano nel centro storico della città, anche introducendo la possibilità di adottare sistemi di raccolta differenti dal porta a porta, nei rioni ove sia possibile con appositi accordi con i comitati di cittadini.

Rendere tutti i cittadini protagonisti della gestione e amministrazione del cuore della Città, attraverso forme di partecipazione e consultazione permanenti, che riducano il ruolo di mediazione dei partiti e degli interessi particolari che troppo spesso rappresentano a scapito della collettività. A tal riguardo Uniti x Il Centro Storico ha avviato una petizione su change.org, per chiedere al prossimo sindaco di nominare un rappresentante degli utenti/pendolari nel nuovo CDA di Atac (link).

 

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *