Uniti per il Centro Storico scrive il programma con i cittadini

Vita dura per le bancarelle che si affastellano per le vie del centro storico capitolino. Ma anche novità nei servizi di mobilità e nella gestione dei rifiuti. Passando per la realizzazione di nuovi parcheggi sotterranei. Senza trascurare, inoltre, il problema dell’accessibilità per i diversamente abili.
Sono questi alcuni capisaldi del programma della lista ‘Uniti per il Centro Storico’, presentati stamani dal candidato alla presidenza del Municipio I, Matteo Costantini, nel corso della conferenza stampa all’Hotel Nazionale di piazza Montecitorio.

“Il decoro prima di tutto – spiega Costantini in una nota – Una sfida che prenderà avvio da un giro di vite su bancarelle e furgoni bar che occupano in maniera sregolata il cuore di Roma. Il nostro obiettivo sarà quello, infatti, di rendere finalmente vivibile per i residenti il territorio”. Da qui una forte attenzione alle tematiche legate a sicurezza e legalità, ma anche una nuova politica su mobilità e parcheggi, altro elemento chiave del programma targato Costantini. La lista civica, non a caso, ha in mente una vera e propria rivoluzione in tema di trasporto pubblico urbano: “Lavoreremo con Atac – annuncia il candidato presidente – per il raddoppio delle navette elettriche”.

Anche sul fronte igiene e rifiuti, infine, ‘Uniti per il Centro Storico’ anticipa un cambio di passo: “Vogliamo rivedere il contratto di servizio con Ama per ripensare a fondo orari e modalità della raccolta differenziata”.

“Queste sono soltanto alcune linee guida – conclude Costantini – di un articolato programma che sarà redatto passo passo nei tanti incontri che da oggi e fino alle elezioni terremo con cittadini, associazioni di categoria e parti sociali. D’altronde, partecipazione e trasparenza sono la cifra distintiva di questa nostra iniziativa. E lo saranno anche dopo le elezioni, con la possibilità per i cittadini di contribuire a scrivere il bilancio del Municipio”.

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *